Treccia di pan brioche
0

Treccia di pan brioche

Treccia di pan brioche
Treccia di pan brioche

La treccia di pan brioche è forse una delle poche cose lievitate che riesco a fare bene. La faccio da qualche anno e ha sempre avuto successo.

Perchè la treccia di pan brioche è buona  a colazione, a merenda, dopo cena o prima di andare a dormire per un rapido spuntino. Va bene inzuppata nel latte o anche spalmata con la marmellata.

Uso spesso la treccia come regalo anche perchè ha un aspetto davvero gradevole: basta avvolgerla con una carta trasparente e un nastro e si ottiene un bell’effetto “pasticceria”. Io la faccio così.

  • Burro – 40 gr
  • Farina di manitoba – 300 gr
  • Zucchero – 50 gr
  • Granella di zucchero – qb
  • Latte – 100 ml
  • Lievito di birra – un cubetto da 25 gr
  •  Sale – un pizzico
  • Uova – 2 + 1 un tuorlo per spennellare la treccia

Faccio sciogliere il lievito e lo zucchero nel latte tiepido, mescolo bene e lascio riposare. Intanto mischio la farina setacciata, il sale  e il burro fuso. Nell’impasto io metto di solito la scorza di un limone o di un’arancia grattugiata oppure una bustina di vanillina.

Treccia di pan brioche
Treccia di pan brioche

Unisco poi il composto di latte e le due uova sbattute e impasto fino ad ottenere un composto liscio e ben omogeneo.

Io preferisco fare la treccia senza niente dell’impasto ma viene molto bene inserendo dell’uvetta oppure delle goccie di cioccolata.

Lascio riposare per un’ora in un contenitore coperto da un canovaccio pulito. Passato questo tempo la pasta dovrebbe già essere raddoppiata di volume.

Divido poi l’impasto in tre parti, formo dei filoni e li intreccio. Continuo a far riposare ancora per circa 45 minuti. Infine spennello la treccia con un tuorlo d’uovo sbattuto e ricopro con la granella di zucchero. La treccia va cotta in forno preriscaldato a 170 gradi per circa 35 minuti.

Rispondi