keepcalm
3

Tutto quello che avreste voluto sapere sulla cena di San Valentino e nessuno ha mai osato dirvi

Valentine Cupcakes di clarescupcakes.co.uk

Per tutti i food blogger del web! C’è un’invasione di cupcake a cuore, tortine rosse, madeleine rosa, biscottini con glassa di zucchero e fragole col cioccolato.

Cuori, cuori, cuori.

A pois, rosa, rossi, fucsia.

Stupendissimi, carinissimi, dolcissimi.

Da una decina di giorni sul web impazza la valentino mania. Figuriamoci che oggi al lavoro, una tranquillissima e posata donna di mezz’età m’ha detto disperata “Portami gli stampini per i biscotti a forma di cuore!!!”.

  Keep calm and breathe.

Iniziamo ad analizzare la situazione. Pare che domani le donne di mezzo universo si mettano ai fornelli per cucinare una cenetta afrodisiaca, romantica e speciale. Cerchiamo di capire chi abbiamo davanti, chi è il nostro target.

Uomo.

Anni 35/45.

Solitamente, un uomo di tal data predilige – lo sappiamo tutte, ammettiamolo – cibi non troppo elaborati, semplici con sapori non confusi e netti.

Soprattutto vuole tanta roba.

Da qui il primo assioma di San Valentino

Keep calm and be concrete
Keep calm and be concrete

 

  Keep calm and be concret

Gli uomini, per natura, non sono attenti ai dettagli.

E’ inutile che perdi tempo con questi fiocchetti e cuoricini.

 

Pertanto lui ignorerà ogni tipo di contenitore di tortine e cupcakes fatti in qualsivoglia maniera. Non noterà i tovaglioli con il fiocco di rafia e sarà solo infastidito dalla luce soffusa della candela che avrete posizionato a centro tavola.

Detto ciò io proporrei alcuni piatti per un menù di San Valentino di pronto successo adatti alla gran parte di uomini italiani. Sono piatti veramente afrodisiaci. Non parlo di sostanze chimiche ma di immaginazione. Che poi, diciamola tutta, quanti chili di ostriche ci vorranno per far scattare una reazione chimica amor_sessuale? Millemila!

Torniamo alla sostanza, alle cose serie. Io non dico di arrivare al menù “frittatona di cipolla e birra” di Fantozzi ma i seguenti piatti potrebbero essere interessanti e molto, molto apprezzati.

Parmigiana di melanzane

Piace a tutti, sempre. E’ un piatto voglioso, passionale, ricco. Rosso. Insomma, come un uomo vorrebbe una donna.

Spaghetti con le vongole

Lo spaghetto ti fa subito venire voglia di baciare. Scatta subito l’immagine di “Lilli e il Vagabondo”. Questo piatto si mangia in parte con le mani e a San Valentino bisogna proprio usarle le mani,)

Pollo arrosto con patate

Quale cosa migliore che mordere petto e coscia di pollo morbide all’interno e croccanti fuori. E poi leccarsi le dita. E’ già tutto un programma.

Confezione di nutella e cucchiaino

Andiamo al sodo. Senza fronzoli. Prendiamo un barattolo di nutella con un cucchiaino e che il dopocena abbia inizio.

Questi sono anche piatti che si possono fare prima e non impegnano in cucina fino all’ultimo secondo. Non tanto perchè bisogna apparecchiarsi con trucchi, pendenti e super micro lingerie.

Ma perchè si deve avere la mente sgombra, riposata, rilassata e uno stato d’animo pronto per una piacevole conversazion intima ed empatica.

Io cosa farò.

Ho in mente un’idea. Che non scrivo qui perchè il mio commensale potrebbe leggere.

Poi magari ve la racconto fra un paio di giorni.

Oppure opto per il San Valentino alternativo.

Gli lascio con una teglia di parmigiana in forno, gli compro una buona bottiglia di Montepulciano e lo lascio per una sera da solo davanti alla tv in compagnia di Ballarò al suon delle parole di Floris che dice “Vediamo il cartello 38”.

 

P.S. A San Valentino baciatevi tutti, baciatevi sempre. Tutti insieme e soprattutto donne! Baciamoci fra di noi e mandiamo una mail a Giovanardi!!

3 thoughts on “Tutto quello che avreste voluto sapere sulla cena di San Valentino e nessuno ha mai osato dirvi

Rispondi